Budapest Local City Tips

Scegliete posizione
Check-in
Check-out
 
CERCA CAMERE
23 ottobre: 1956 Rivoluzione, come prepararti per il tuo viaggio a Budapest

23 ottobre: 1956 Rivoluzione, come prepararti per il tuo viaggio a Budapest

Palma, Ivan 16-10-2018
Emánuel Csorba era un uomo molto coraggioso di 28 anni. Nel 1956 visse presso Móricz Zsigmond körtér, un importante punto di passaggio nel quartiere di Buda. Quando il 23 ottobre, a Budapest, scoppiò la rivoluzione contro l'occupazione sovietica, fece ciò a cui siamo abituati nell'era degli smartphone: prese la macchina fotografica e cominciò a fotografare gli eventi. Le foto verranno poi rese note per la prima volta molto tempo dopo la sua morte, quando suo figlio le ha pubblicate su Facebook 60 anni dopo la sconfitta nella lotta per la libertà. [caption id="attachment_7686" align="aligncenter" width="1842"] Author: Dr Emánuel Csorba https://www.facebook.com/ferenc.csorba?sk=photos[/caption] Se visiti Budapest ad ottobre, è possibile combinare il turismo con un'interessante lezione di storia su come una piccola nazione delle dimensioni dell'Ungheria ha affrontato i potenti sovietici e ha raggiunto in poco tempo la libertà e l'indipendenza. Sebbene i sovietici alla fine ritorneranno e reprimeranno la rivoluzione, gli ungheresi sono veramente orgogliosi degli eventi dell'ottobre 1956. Lasciami raccontare una breve ma importante storia per l'Ungheria e lascia che ti spieghi come puoi partecipare alla commemorazione se ti trovi qui. Se stai intraprendendo uno di quei viaggi in cui ti piace conoscere la cultura e la storia del posto, apprezzerai moltissimo la possibilità di approfondire quest’aspetto.

1956 in breve

Dopo la seconda guerra mondiale i partiti comunisti cominciarono a conquistare i paesi dell'Europa dell'Est. Facevano finta di essere dalla parte del popolo, e per il popolo, ma la gente li vedeva soprattutto come dominatori e oppressori. Pochissimi osarono ribellarsi e la rivoluzione ungherese del 1956 fu la prima grande lotta per la libertà contro gli invasori sovietici. [caption id="attachment_7676" align="aligncenter" width="1842"] Author: Dr Emánuel Csorba https://www.facebook.com/ferenc.csorba?sk=photos[/caption] Gli eventi iniziarono quando il 23 ottobre gli studenti incominciarono a marciare e a chiedere i diritti per la Repubblica libera; persone di ogni ceto sociale si unirono alla folla, che finì per andare a Radio Budapest, dove la polizia segreta aprì il fuoco per sparargli. Nacquero così gli scontri nelle strade e un nuovo primo ministro (Imre Nagy, che sarebbe poi diventato il martire della rivoluzione) promise il cambiamento. E per un momento lo sforzo sembrava vincente. Meno di due settimane dopo, il 4 novembre, i carri armati sovietici attraversano la città per reprimere la rivoluzione, dichiarando la vittoria l'11 novembre. Per un breve periodo successivo alla rivoluzione, i confini furono facili da attraversare (infatti, se si conoscono gli ungheresi più anziani che vivono all'estero, probabilmente se ne sono andati in questo periodo. Circa 200.000 ungheresi che hanno deciso di tentare la fortuna all'estero). I governi comunisti finirono per governare fino al 1989, con la caduta dell’Unione Sovietica.

Cosa significa oggi

In breve, Emánuel Csorba aveva una storia da immortalare davanti ai suoi occhi. Il significato di tutto questo oggi, 62 anni dopo, è un'altra storia. Molte persone si godono semplicemente il weekend di 4 giorni (20-23 ottobre), quando molti negozi e ristoranti sono chiusi e la maggior parte delle persone non lavora. [caption id="attachment_7681" align="aligncenter" width="1842"] Author: Dr Emánuel Csorba https://www.facebook.com/ferenc.csorba?sk=photos[/caption] Per molti altri, soprattutto per coloro i cui familiari sono stati coinvolti nella battaglia, il 1956 è ancora un ricordo relativamente recente. La gente ne parla, i politici cercano di ottenere sostegno facendo riferimento ad essa.

Eventi: come rendere più significativo il tuo viaggio a Budapest

Ci sono eventi ufficiali in tutta l'Ungheria, ma sono spesso di natura politica, e in passato ci sono stati episodi di violenza tra fazioni politiche in competizione tra di loro. Inoltre, sono tutti in ungherese. I programmi prevedono l'innalzamento della bandiera nazionale e, in generale, l'ingresso gratuito al Parlamento il giorno 23. Inoltre potrai impressionare la gente del posto con la tua conoscenza sull'argomento, specialmente dopo aver letto la precedente mini lezione di storia, visitando uno dei musei più interessanti di Budapest o guardando un film ungherese associato a ciò: Casa del Terrore (Terror háza) - Questo emozionante museo occupa adesso l'ex sede della Gestapo a Budapest e successivamente della polizia segreta comunista. Le esposizioni contengono materiale su entrambi i regimi e commemorano le innumerevoli persone torturate e uccise nelle loro celle.

Film

Mansfeld - La vera storia di un adolescente martire nella lotta per la libertà per commemorare il 50° anniversario della rivoluzione. Sons of Glory - Mentre la rivoluzione coincideva con le Olimpiadi di Melbourne, questo film (del produttore ungherese Terminator, che lasciò l'Ungheria nel 1956) segue le gesta della squadra ungherese di pallanuoto nel loro scontro con i rivali sovietici. La sceneggiatura è di un altro ungherese-americano, Joe Esterhas, famoso per Basic Instinct. Se volete un documentario sullo stesso argomento, consigliamo Freedom's Fury prodotto da Quentin Tarantino. Sunshine (A Napfény íze) – Si tratta di una bella storia familiare di István Szabó, vincitore del premio Oscar, con protagonista Ralph Fiennes che segue il Sonnenschein per generazioni dalla fine del XIX secolo alla metà del XX secolo, compreso il 1956. Prima e dopo la rivoluzione, sono stati realizzati altri due film incredibili, che spiegano fondamentalmente perché la gente era stanca del comunismo e cosa è accaduto successivamente. The Witness (A Tanú) - Astuta satira ungherese dell'era stalinista la quale è stata vietata per dieci anni a causa del suo messaggio politico. Testimonia l'oppressione che porta direttamente alla rivoluzione. Gli ungheresi citano importanti frasi di questo uomo di 50 anni, sempre attuale, fino ad oggi. Time Stands Still (Megáll az idő) - Storia dell'arrivo di due fratelli adolescenti il cui padre aveva lasciato il paese dopo la rivoluzione, i quali devono accettare il peso dell'eredità familiare negli anni '60. Molti critici ritengono che questo sia il miglior film ungherese della storia.